Angels Network Live Effect

settembre 25, 2008

Domani termina l’esperimento di Human Network Live Effect. Scorrendo solo le prime quattro pagine di Google Blog confermo l’impressione che ho avuto in questi giorni: da nessuna parte si dice che tutto va in onda da un piccolo paesino delle Marche. Una scelta voluta? Mi verrebbe da dire di si, inizialmente per un motivo ma riflettendoci un pò me ne vengono due. Il primo che mi è venuto in mente è che, per la logica che c’è nella nostra regione, dire che tutto parte da un piccolo paesino della provincia avrebbe sminuito la portata dell’esperimento.

Poi, però, mi è venuta un’altra idea. Se la filosofia che sta dietro all’iniziativa è che il web, e soprattutto la nuova – o forse ormai vecchia – era del 2.0 unisce persone a prescindere dalle distanze geografiche, sottolineare da dove si “trasmette” non è poi così importante. Il punto è che anche da Angeli di Rosora puoi essere collegato con il mondo e al centro del mondo. Ed è sempre un bene sottolinearlo.

Comunque, sarà perché sono maliziosa e io, da “aspirante pr“, lo avrei fatto se fosse dipeso da me, io propendo più per la prima ipotesi.

Annunci

Certa gente è senza cuore…

settembre 15, 2008

e non ho altro da aggiungere.

Oggi ho visto… (capitolo 4)

settembre 5, 2008

Oggi ho visto la terra buttarsi nel mare e le case aggrapparsi ognuna a quella più vicina. O forse tenersi per mano, pronte a saltare tutte insieme. E una signora, seduta a una panchina, ritrarre questo paesaggio. Ho visto un vecchio pescatore rifilare la sua rete appoggiato sul molo. Una signora inseguire il suo cappello portato via dal vento, come in un romantico film. Ho visto un ragazzo sorridere alla sua bambina e mettersela a cavalcioni sulle spalle, per farle vedere altri bambini che giocavano ad un gioco antico.

Ho visto anche un ragazzo sorridere con gli occhi e con tutto il volto, e ci ho rivisto altri occhi e un altro volto che pure si illuminava ad ogni sorriso. Ho visto vecchie barche colorate riposarsi nei porticcioli, cariche di storia, di sveglia all’alba, di fatica e di sudore… e per questo molto più belle dei lussuosi yacht che, invece, ho visto a Portofino.

Ho visto delfini, foche, squali, pinguini, tartarughe marine e miriadi di altri pesci, tutti rinchiusi nelle vasche dell’acquario di Genova. E un piccolo polipo camminare libero vicino ai nostri piedi nel mare trasparente di Monterosso. Dall’alto di un ascensore ho visto, in una occhiata, una città che ho sempre pensato “credo che mi piacerebbe viverci”, e ora che l’ho vista non mi ha affatto delusa.

Ho visto ragazzi fare gli occhi dolci, per poi scoprire che avevano altre donne, grandi e piccole, ad aspettarli a casa. E non ho visto in quegli occhi dolci neanche una traccia di pentimento.