Costruzioni per 70 milioni di metri cubi. Lo dice la Gabbanelli a Report. E’ quello che è previsto dal piano regolatore di Roma. E ti dicono che lungo l’Appia c’è il parco archeologico più grande al mondo, ma che già ci hanno costruito intorno di tutto, e in base a questo piano si costruirà ancora. E poi Parigi, stessi abitanti di Roma ma molto più piccola per estensione. Eppure 14 linee della metro contro le 3 di Roma. E un tizio che dice che lì prima costruiscono le strade, poi pensano l’architettura.
E come al solito ti fanno pensare che tutto il mondo sappia fare le cose meglio di noi. Che in qualsiasi altro paese europeo le cose funzionino, invece da noi no. Che c’è sempre qualcuno pronto a cercare il proprio guadagno, invece che il benessere collettivo.
E mi chiedo se mai il nostro paese riuscirà a cambiare, se mai noi riusciremo a cambiare.

Annunci